Paura e manovre recessive/2 Il mercato francese dell’auto fa -21%

In caduta
voitures immatriculation

Non c’è miglior termometro dell’economia del mercato dell’auto. Pur se ammalato di saturazione semi-permanente, rimane sempre il maggior traino per le economie a vocazione industriale. E se l’auto non va, anche il resto non si muove.

“Se in Italia il mercato dell’auto non ride, in Francia si piangono lacrime amare. A gennaio, infatti, il settore automotive d’Oltralpe incassa un durissimo colpo: secondo i dati diffusi dal Ccfa (Comité des constructeurs français d’automobile), nel primo mese del 2012 le immatricolazioni hanno evidenziato una contrazione del 20,7% (contro il -16,92% dell’Italia) rispetto allo stesso periodo del 2011, pari a 147.143 unità.

In particolare, soffrono le compagnie transalpine: I gruppi Psa (Peugeot-Citroën) e Renault, hanno registrato un calo rispettivamente del 27,4 e del 32,7%.” Estratto da Quattroruote, articolo di R.Bar.

Tag: