L’Europa esiste, non salta, punto.

Personaggi sotto i riflettori
monti merkel

La partita [...] si gioca in Europa. Le comunità nazionali ci dicono che l’Europa germanica lacera il tessuto sociale e porta a un punto di rottura. Non bisogna farsi illusioni sulla spinta emotiva della vittoria di Hollande in Francia per spingere la Merkel a sposare la scelta di un’Europa che metta effettivamente la crescita al centro della sua strategia. Sarà uno scontro durissimo perché il nodo è politico. Riguarda gli eurobond e la ripresa degli investimenti in infrastrutture, le risorse da destinare alla Bei. Esige una politica monetaria differente che piloti una discesa dell’euro, si deve percepire che l’obiettivo è costruire un popolo di cittadini europei. Bisogna dare un messaggio forte ai mercati: l’Europa esiste, non salta, punto.

Estratto da ilsole24ore.com di Roberto Napoletano

Tag: