Il futuro è scritto nei tweet: Flux of MEME propone l’analisi geo-localizzata dei social network topics

Al debutto
flux of meme

Galeotto fu Twitter che rappresentava nel 2009 una delle poche fonti di dati geo-localizzati.

Flux of MEME, progetto presentato da Thomas Alisi nell’ambito di Working Capital 2010, è un sistema di analisi del flusso di dati formati dagli aggiornamenti di stato dei principali social network e basato sulla comprensione della struttura semantica del contenuto e sulla geolocalizzazione.

Analizzare il flusso di dati significa classificarne la provenienza geografica, sintetizzarne il contenuto, in modo da verificare l’andamento spazio-temporale dei concetti descritti ed effettuare una previsione di come questi possono migrare nello spazio e nel tempo.

Le applicazioni sono diverse e si adattano a situazioni diverse. Durante il matrimonio reale tra William e Kate il flusso di tweet era concentrato nelle zone topiche di Londra: Buckingham Palace, Westminster Abbey e l’albergo dei Middleton (qui il video che mostra i risultati). Si sta studiando ora la relazione tra la presenza di tweet e la distribuzione del traffico nell’area di Milano durante le ore critiche; ma questa applicazione potrebbe anche consentire l’impiego di strategie di marketing mirate al contesto locale (un esempio è la distribuzione delle promozioni di determinate categorie merceologiche sulla base dei check-in su Foursquare).

Prossimo obiettivo: trasformare un laboratorio di ricerca in un’impresa.

Thomas Alisi sarà presente anche al Fashion Camp l’8 e il 9 maggio a Milano

Di seguito trovate il video della presentazione di Flux of Meme tenuta da Thomas Alisi al Working Capital Tour di Bologna nel 2010

Questa invece è l’intervista di Alessio Jacona a Thomas Alisi

Fonte Working Capital

Tag: