Torrefazione a vista per Caffè Vergnano a Eataly Roma: acuta la scelta dell’iniziativa e della partnership, peccato la non semplice replicabilità sulla rete monomarca

In ascesa
vergnanochieri

Al rientro dalla visita in anteprima di Eataly Roma eravamo rimasti colpiti dal Coffee Shop Vergnano 1882 come punto vendita per la degustazione e la vendita del caffè dagli elementi innovativi. Abbiamo avuto l’opportunità di approfondire il modello Vergnano insieme a Roberto Ferrero, architetto che dal 2000 segue il progetto Coffee Shop Vergnano1882.

Nonostante rappresenti un ottimo elemento distintivo,  le uniche caffetterie che possono vantare la torrefazione quotidiana in loco o nelle immediate vicinanze sono il coffee shop di Chieri, aperto nel 2000, quello di Torino e lo spazio Vergnano a Eataly Roma, quindi solo 3 su oltre 50 coffee shop monomarca. L’ officina di tostatura a vista richiede ingenti investimenti oltre che per la realizzazione, anche per la formazione del personale, che nel caso specifico avviene presso l’ Accademia del caffè Vergnano a Santena. A ciò vanno aggiunti i costi di gestione che andrebbero a incidere in modo importante sulla redditività del punto vendita.

L’idea offre pertanto un ottimo spunto per l’innovazione dal punto di vista prototipale, intelligente inoltre l’idea di sfruttare la partnership con Eataly ad elevata visibilità soprattutto nel nuovo punto vendita di Roma. Fanno da contraltare i costi elevati che non permettono la replicabilità di questo modello  su tutta la rete, almeno per il momento. Pertanto ad oggi appare più una intelligente iniziativa di comunicazione e divulgazione più che un realistico esperimento di retail innovativo.

Tag: