Diane von Furstenberg e Google Glass, trait d’union tra moda e tecnologia, sfilano a New York insieme

Al debutto
google-dvf-fr

Alla New York Fashion Week ha debuttato anche Mountain View: durante la sfilata di Diane von Furstenberg le modelle hanno indossato i Google Glass, gli occhiali targati Big G di cui vi avevamo parlato qualche tempo fa. Gli occhiali potranno essere acquistati dagli addetti ai lavori l’anno prossimo mentre saranno disponibili al grande pubblico nel 2014 .

La presenza di Sergey Brin, co-fondatore di Google e tra gli uomini più ricchi al mondo, non è stata certo una coincidenza: Google ha infatti trascorso l’ultima settimana accanto al team di DVF  per documentare il behind the scenes attraverso gli occhiali firmati Google. Il risultato è un cortometraggio che verrà pubblicato, insieme ad altri contenuti digitali, il 13 settembre sui profili Google+ e sul canale YouTube di DVF, mentre le prime foto della sfilata sono già disponibili.

La Fashion Week di New York è stata  il primo evento importante, fuori dai binari tecnologici, a cui Google Glass ha partecipato, nonchè la prima volta in cui i prototipi sono stati utilizzati da persone esterne al team di Google. Questa particolare collaborazione non può che far riflettere: forse a Mountain View vogliono allargare il target clienti e per farlo hanno bisogno di un prodotto che venga considerato un must have così come lo sono iPad e iPhone. Oppure la collaborazione con la stilista belga è destinanta a durare nel tempo portando ad un restyling dei Google Glass, trait d’union tra moda e tecnologia. Se le intenzioni fossero davvero queste, non stupirebbero le parole di Brin durante la sfilata.

“I think it’s not just about technology, it’s about lifestyle. It’s a very important component of making technology desirable and compelling. It’s got to be stylish and fashionable.”

Una regola non scritta che ha decretato negli ultimi anni il successo o il fallimento di smartphone e tablet, alla quale di certo non si potrà sottrarre un progetto come quello in cantiere per l’azienda di Larry Page e Sergey Brin.

Tag: