Il Sol Levante e l’ Estremo Oriente illuminano il Pitti Uomo 84

Trend
PITTI_uomo_84

Nei primi tre mesi del 2013 le esportazioni di moda italiana verso i paesi del Far East sono cresciute del 10,9%, superando 1,7 miliardi di euro.

I mercati emergenti continuano ad espandere il market share, specialmente l’Asia che negli ultimi 5 anni è cresciuta ad un tasso medio annuo del 17,8% il più alto tra le aree prese in cosiderazione: Europa, America, Giappone e ROW (Ricerca PWC per Sole24ore)

Secondo uno studio realizzato da Intesa San Paolo per Moda24, la parte del leone l’ha fatto l’aggregato rinominato dagli economista EDA, economie dinamiche asiatiche che comprendono Corea, Hong Kong, Malaysia, Singapore, Taiwan e Tailandia: 934 milioni nel primo trimestre, +8,3%. A seguire troviamo il Giappone con 453 milioni e una crescita dell’ 11,8% mentre la Cina è cresciuta del 18% raggiungendo i 318 milioni.

Diverso lo scenario se dal Far East ci spostiamo in Europa: qui l’export di moda made in Italy è calato del 3,1% a 5,8 miliardi mentre sui mercati extra UE le esportazioni hanno raggiunto i 5,5 miliardi, +6,7%.

Questi numeri dunque dovrebbero portare un po’ di ottimismo al Pitti Uomo, come scrive Paola Bottelli su Moda24, almeno per le aziende che durante questi anni di crisi si sono internazionalizzate puntando su mercati lontani. Gli stessi mercati che sono difficili da raggiungere per quelle aziende che non hanno le dimensioni e le strutture adeguate, aggravate dalla mancanza di supporto da parte del sistema creditizio. La dimensione delle aziende del comparto resta di fatto uno degli ostacoli principali in un contesto come quello attuale: durante la crisi le imprese di abbigliamento che hanno chiuso sono state 4.898.

Lo scenario italiano è dunque spaccato in due realtà molto nette: da un lato le aziende che corrono sui mercati internazionali e trainano l’ export; dall’altro marchi fermi ai box di partenza  del mercato domestico, che fanno fatica ad approdare sui mercati esteri a maggiore crescita.

 

Liberamente tratto da Moda24 N.61

Tag: