Stefanel (si dice) pronta al rilancio. Lo è davvero?

Sfide Strategiche
stefanel__adv_fw13_2

Prodotto, distribuzione e organizzazione: leggendo l’intervista  di Giuseppe Stefanel a Il Mattino sembrerebbe proprio che l’azienda di Ponte di Piave sia pronta al tanto atteso e sospirato rilancio, dal momento che il percorso di ristrutturazione (in realtà più ristrutturazioni) è iniziato nel 2009, accompagnato dalla cassa integrazione prima e dai contratti di solidarietà poi.

“Stefanel è un gruppo snello, reattivo e preparato. La Stefanel è radicalmente cambiata, il prodotto è fresco e attuale, quanto alla distribuzione siamo passati dall’avere il 70% dei ricavi legati al mercato interno al 40% ma l’obiettivo è portare l’estero all’80%.La trattativa per la ristrutturazione del debito, iniziata a marzo, è sempre stata condotta da Girotto. Stiamo definendo l’accordo con gli istituti: il clima è sereno e c’è fiducia. Nel frattempo, infatti, non ci hanno fatto mancare il supporto finanziario. Contiamo di chiudere per fine anno.”

Dal punto di vista finanziario a Treviso sembrerebbe tutto tranquillo (o almeno questo è quello che appare) ma i numeri non sono proprio dello stesso parere…

Stefanel ha chiuso il 2012 con ricavi per 151 milioni, in calo del 3% rispetto all’anno prima mentre nei primi sei mesi del 2013 il Gruppo ha registrato ricavi netti consolidati pari ad euro 84,3 milioni, in diminuzione del 12% rispetto al corrispondente periodo dell’esercizio precedente (euro 96 milioni) e un EBITDA negativo, -7,5 milioni nel primo semestre.

Gli occhi sono puntati dunque sulle vendite. “Nelle ultime dieci settimane l’andamento delle vendite è stato positivo. Sul primo semestre hanno pesato costi non ricorrenti. Già nel 2013 si vedranno gli effetti della ristrutturazione. Sarà, comunque, un altro anno duro. Puntiamo sul 2014

Così mentre Giuseppe Stefanel aspetta sulla riva del fiume Piave un EBITDA positivo, la figlia Eleonora bussa alle porte del marketing per incrementare le vendite di cui sopra: ha fatto da poco il suo debutto la nuova campagna pubblicitaria, #feelmore,  che strizza l’occhio alle fashion blogger e a quel “l’amore addosso”, felice e fortunato refrain di qualche decennio fa, gli anni ruggenti di Stefanel, del fatturato che raddoppiava da un anno con l’altro.

Last but not least la settimana scorsa Luciano Santel, AD Stefanel insieme a Giuseppe Stefanel, ha abbandonato la nave trevigiana per trasferirsi in Moncler, in piena ristrutturazione dei vertici in vista della imminente qutazione a Piazza Affari…

La nuova campagna pubblicitaria Stefanel #feelmore

Tag: