Graziano Verdi Presidente e AD Koramic Chemical & Ceramics, AD Petracer’s

Personaggi sotto i riflettori
Graziano Verdi

Negli ultimi mesi si è parlato molto spesso di Made in Italy che se ne va (qui l’inchiesta a cura di Repubblica e L’Espresso). Noi siamo stati al Cersaie che si è tenuto a Bologna il 26 e il 27 settembre per scoprire il punto di vista di Graziano Verdi, ex amministratore delegato di Granitifiandre ora presidente e amministratore delegato di Koramic, colosso del comparto chimico ceramico che ha un fatturato annuo di 1 miliardo di euro e 500 milioni di mezzi propri, e di Petracer’s, ceramica di lusso di Fiorano nata 15 anni fa, entrata a far parte del gruppo Koramic Chemical & Ceramics a settembre

Parliamo di Petracer’s, ci racconti la tua azienda  e in particolare l’ingrediente di successo che vi differenzia?

Petracer’s nasce circa 15 anni fa sull’intuizione del fondatore Angelo Marchesi di proporre ceramiche che potessero generare emozioni, influenzando i trend della moda e dando un’identità di esclusività al prodotto ceramico. Grazie ad un posizionamento chiaro e distintivo Petracer’s, in controdenza rispetto all’andamento del comparto, ha saputo seguire su un segmento di nicchia un’evoluzione non solo di prodotto ma anche di prezzo  affermandosi come la ceramica pregiata di lusso sul più alto gradino italiano.

Quali sono i vostri principali segmenti di mercato di riferimento?

Il presidio del segmento Hospitality è sicuramente una delle chiavi di successo di Petracer’s, anche se una affermazione che ci piace ripetere è che il nostro prodotto è in quasi tutte le case più belle del mondo! I nostri principali mercati sono la Russia, l’Estremo Oriente e il Medio Oriente. Siamo in forte crescita in Germania e in Polonia. Sviluppiamo all’estero circa l’80% del fatturato complessivo. Per quanto riguarda il mercato italiano praticamente tutti i distributori più qualificati hanno Petracer’s all’interno dei loro show room.

Come si fa diventare un prodotto da pavimentazione e rivestimento prima una soluzione d’arredo e poi un oggetto di design esclusivo?

La collezioni Petracer’s nascono da una volontà di provocazione positiva che trova il suo alimento nell’osservare le cose e le persone, nell’usare la materia ceramica per creare prodotti che invece di imitare materiali creati dalla natura possano essere fuori dal tempo e dalle mode e quindi veramente innovativi. Oggi riusciamo a proporre un “total look del lusso” realizzando delle ambientazioni di ceramiche e mobili capaci di creare un senso di appartenenza e di soddisfare il desiderio di avere una casa capace di farsi ricordare e che assomigli a chi vi vive.

Quali sono state le ripercussioni della crisi e quali ora le leve strategiche di sviluppo del comparto?

Tutte le aziende del comparto hanno sofferto duramente la crisi del 2009, con una riduzione media del fatturato che è stata superiore al 30%. Le parole chiave per la ripresa e lo sviluppo generale del comparto sono innovazione continuativa, forte internazionalizzazione e delocalizzazione produttiva. Sulla delocalizzazione è utile fare un distinguo sostanziale: mentre per il prodotto di prestigio è un aspetto relativamente importante, in quanto la connotazione del lusso italiano consente ancora spread di prezzo elevati,  per le aziende che lavorano nella fascia media  è ormai fondamentale per poter riuscire a resistere.

Petracer’s è da poco entrata a far parte del gruppo belga Koramic, ancora una volta il Made in Italy entra nel mirino di un colosso straniero grazie a prodotti, sia pure di nicchia, ineguagliabili e di successo.

L’interesse di grandi imprese estere per marchi di prestigio del nostro paese e l’ingresso di capitali stranieri sono da considerarsi un fattore positivo e una leva per lo sviluppo, anche nel distretto ceramico.  Il gruppo belga Koramic, una delle maggiori realtà europee nel comporto chimico e ceramico con un fatturato di oltre 1 miliardo di euro, ha visto in Petracer’s delle concrete e significative  potenzialità di crescita, credendo nel lusso, nello stile e nelle emozioni dei nostri prodotti.

Le linee guida chiave per il futuro di Petracer’s e un suggerimento alla classe politica italiana per supportare il comparto produttivo e industriale italiano.

Consolidare e sviluppare la leadership stilistica di Petracer’s nell’alto di gamma, in particolare nel bagno dove vogliamo essere il player di riferimento. Da manager suggerirei alla classe politica una maggiore attenzione ai problemi reali delle persone e una spinta innovatrice nei processi decisionali consentendo al mondo del lavoro, dell’università e dell’impresa di cogliere le opportunità nascenti.

Clicca qui per scaricare l’intervista completa

Tag: