Open Design Italia, a Venezia torna l’auto-produzione e il design scruta Russia e Cina

Al debutto
open_design_italia_2013_making

Dopo Operae, torniamo a parlare di design Made in Italy e autoproduzione: dal 22 al 24 Novembre si terrà a Venezia la nuova edizione di Open Design Italia, mostra-mercato sul design autoprodotto e di piccola serie. Open Design Italia si propone come luogo di incontro e interazione tra gli attori della filiera quali progettisti, imprenditori, artigiani e distributori e le istituzioni, le scuole e il grande pubblico in modo da avere una visione a 360° dell’autoproduzione e delle nuove filiere produttive.

Oltre agli appuntamenti con designer internazionali che daranno il loro punto di vista sull’evoluzione e le potenzialità dell’autoproduzione nel loro paese, il programma prevede incontri B2B tra designer selezionati ed esperti di settore, tra cui le aziende Alias, Seletti e Jannelli&Volpi,il VP global marketing di Diesel e i buyer di FabricaFeatures e dei Guggenheim shop. Il dibattito punta a mettere a fuoco la situazione dell’autoproduzione e delle nuove filiere produttive in Italia.

Nonostante il manifestarsi della recessione dunque, la produzione manifatturiera italiana è sempre più in fermento e dimostra una buona tenuta grazie alle peculiarità del prodotto Made in Italy. Come per altri settori il crollo del mercato europeo ha messo in difficoltà numerose aziende che per crescere e innovare devono da un lato dotarsi di mezzi finanziari in grado di reggere gli investimenti, dall’altro continuare ad “aggredire” i paesi Extra UE.

Mentre l’Estremo Oriente è ormai considerato il nuovo Eldorado del mobile italiano (e non solo), la Russia e i Paesi dell’Ex Urss rappresentano per il design Made in Italy un mercato su cui continuare ad investire.

La crescita delle esportazioni a valore verso questi Paesi si è attestata intorno al 10% sia nel 2012, sia nel primo trimestre del 2013:  lo scorso anno il sistema dell’arredo italiano ha esportato in Cina prodotti per un valore di 170 milioni, contro gli 888 milioni fatturati in Russia (dati FederlegnoArredo), che si conferma anche nella prima parte dell’anno in corso il quarto mercato mondiale per le imprese del settore.

A questo link tutte le info sul programma di Open Design Italia 2013

 

 

 

Tag: