Vendemmia 2013, Italia batte francia 45 a 44 (ettolitri)

Trend
vendemmia2013

L’Italia supera la Francia, almeno sul vino.

Con una produzione stimata attorno ai 45 milioni di ettolitri, contro i 44 dei nostri vicini, l’Italia conquista nel 2013 il primato mondiale. E’ la Coldiretti a fare il bilancio della vendemmia dove si è registrato un aumento del 2% rispetto allo scorso anno con una qualità buona con punte eccezionali per i grandi rossi, dal Barolo al Chianti, dal Brunello di Montalcino all’Aglianico. L’andamento climatico anomalo ha capovolto le previsioni iniziali e consente all’Italia di conquistare nel 2013  la leadership nazionale nella produzione di vino a livello internazionale dove dopo la Francia si classifica al terzo posto la Spagna con una produzione in forte crescita a 40 milioni di ettolitri (+23 per cento), seguita dagli Stati Uniti.

La produzione è stata  destinata per oltre il 40% ai 331 vini a denominazione di origine controllata (Doc) e ai 59 vini a denominazione di origine controllata e garantita (Docg), il 30% ai 118 vini a indicazione geografica tipica (Igt) riconosciuti in Italia e il restante a vini da tavola.

La conclusione della vendemmia si festeggia in Italia con il record storico per il vino all’estero con un valore delle vendite che raggiunge per la prima volta i 5 miliardi di euro per effetto di un aumento del 9% degli acquisti oltre confine. A realizzare le migliori performance sono stati gli spumanti che mettono a segno un aumento in valore del 18% togliendo anche quote di mercato allo champagne. Per i vini italiani la maggioranza del fatturato all’estero viene realizzata sul mercato statunitense dove l’export in valore aumenta del 10% mentre al secondo posto troviamo la Germania con +9%. Positivo anche il dato sui mercati asiatici, con una crescita complessiva del 3%, con la Cina che è il Paese con maggiore crescita dei consumi.

Fonte Coldiretti

Tag: