Ittierre riparte come newco, Officine Tessili Italiane

Al debutto
ittierre

Riparte Ittiterre, ma lo farà in un’altra veste, quella di newco sotto il nome Oti, Officine Tessili Italiane,  sotto il controllo di Antonio Rosati , vicepresidente del Genoa Calcio e titolare della finanziaria Hdc, a cui fa capo anche il marchio Lorenzo Riva. Il giudice fallimentare ha infatti dichiarato ammissibile la procedura di concordato in continuità per la Ittierre che prevede la prosecuzione dell’attività aziendale con una newco.

Rosati ha presentato l’offerta giudicata come la migliore, ma che era anche l’unica delle quattro originarie a essere rimasta in lizza: la Compagnia mercantile infatti non aveva integrato la documentazione richiesta dal tribunale, mentre i due principali competitor, cioè la società di investimento milanese Ikf e l’imprenditore molisano Camillo Colella, avevano fissato nel 31 marzo scorso il termine ultimo per la validità delle rispettive offerte.

Il progetto di rilancio di  Antonio Rosati prevede un investimento tra i 18 3 i 21 milioni di euro di cui 3,5 per l’affitto del ramo d’azienda, 3,5 per il magazzino e il resto per rilanciare la produzione.

La holding di Rosati è attiva in diversi settori tra cui editoria, immobiliare, nautica, logistica, meccanica ed è presente nel mondo della moda con la maison Lorenzo Riva, di cui Rosati è azionista di maggioranza: la maison dovrebbe rientrare tra i marchi nello stabilimento di Pettoranello sotto il nuovo corso e, in un’ottica di continuità aziendale, si spera nel mantenimento di alcune delle licenze in essere al momento della richiesta di ammissione al concordato preventivo.

La palla  passa ora ai creditori, il cui giudizio sul caso è atteso per il 23 maggio; nel frattempo si metteranno in atto le procedure finalizzate alla vendita del 25% del magazzino.

 

Resta da capire quale sarà la reazione di sindacati e lavoratori, che hanno già ripetutamente contestato sia i livelli occupazionali previsti (50 dipendenti iniziali contro i 700 della originaria Ittierre), sia l’annunciata presenza di Antonio Bianchi, che acquistò la società nel 2011, all’interno del management che guiderà la newco.

 

Fonte MFF, Isernianews

Tag: