Eataly al lavoro per Piazza Affari, quotazione certa o assisteremo ad un Moncler atto II?

Sfide Strategiche
farinetti

Ormai sembra decisa la quotazione di Eataly a Piazza Affari. Un progetto al quale stanno già lavorando le banche più vicine, Unicredit, Bnp Paribas e Intesa Sanpaolo. Anche se oggi i tempi non sono ancora maturi. «Il momento giusto lo sceglieremo con le banche e Giovanni Tamburi che attraverso Tip ha investito nel progetto Eataly», spiega Farinetti. La società milanese ha infatti rilevato il 20% di Eataly dalla famiglia Farinetti, in vista di una quotazione in Borsa a Piazza Affari nel giro di due anni. L’investimento di Tamburi, pari a 120 milioni di euro, è stato realizzato attraverso ClubItaly, newco creata appositamente per l’operazione e partecipata al 30% da Tip e al 70% da family office soci storici di Tamburi. Una cifra che oggi valorizza la società attiva nella distribuzione di prodotti dell’eccellenza enogastronomica italiana circa 600 milioni. La crescita verrà dalle aperture programmata a Londra, «l’altra città megafono del mondo», dice Farinetti. Poi sarà la volta di Corea, Brasile e Messico. «Sempre con lo stesso approccio — dice l’imprenditore — in Europa e Usa saranno store gestititi direttamente, negli altri paesi attraverso la formula del franchising». Le sue previsioni parlano di un giro d’affari 2014 appena sotto 400 milioni, in crescita del 30%

 

Fonte Corriere.it

Tag: