Terremoto ai vertici, via da Gucci Frida Giannini e Patrizio di Marco

Personaggi sotto i riflettori
Patrizio+di+Marco+Gucci+Award+Women+Cinema+ODDHBddSJ3il

Il direttore creativo Frida Giannini e il ceo Patrizio Di Marco lasciano Gucci. Di Marco, che ha fatto parte del Gruppo Kering per più di 13 anni  lascerà l’azienda il 1 gennaio 2015 e sarà sostituito da Marco Bizzarri. Anche il direttore creativo di Gucci, Frida Giannini, entrata nel 2002, lascerà il suo incarico, alla fine del mese di febbraio 2015. Frida presenterà la sua collezione Donna Autunno/Inverno 2015-2016 il prossimo 25 febbraio 2015.

Marco Bizzarri, il sostituto di Di Marco, è entrato a far parte del gruppo Kering nel 2005 come Ceo di Stella McCartney, per poi essere nominato Ceo di Bottega Veneta nel gennaio 2009. Da aprile 2014 ha ricoperto il ruolo di Ceo della divisione Luxury – Couture & Leather Goods di Kering. Per il posto della Giannini, invece, non sembra sia stato ancora individuato il sostituto, anche se una vacatio protratta nel tempo lascia quasi sempre perplesso il mercato. In pole position ci sarebbe Riccardo Tisci, pronto a lasciare Givenchy per approdare in Gucci.

Quali siano i motivi di una simile decisione non è dato sapere. L’industria del lusso è alle prese con un rallentamento del business in alcune roccaforti come l’Asia e con il congelamento dei consumi in Europa, tranne che in capitali del lusso come Londra. Ma i dati del terzo trimestre dello storico marchio fiorentino, così come quelli dei nove mesi dell’anno in corso, non lasciavano presagire una soluzione di questa portata. Nel terzo trimestre, i ricavi di Gucci sono scesi a cambi comparabili dell’1,9% a 851 milioni e, nel gennaio-settembre, dell’1,3% a 2.527,3 milioni. Secondo gli analisti, Gucci rappresenta circa il 65% dei profitti di Kering e dovrebbe chiudere l’esercizio 2014 con utili sostanzialmente in linea con quelli dell’anno precedente, quando aveva registrato profitti operativi di 1.132 milioni su ricavi di 3.561 milioni, pari al 31,8%, il record di sempre, anche se non a cambi costanti (aveva performato meglio, in percentuale, nel 2010, 2011 e 2012).

Certo, nessuno può nascondersi le complessità dell’ultimo anno e mezzo in un mercato dove per gran parte dei big brand è in corso una flessione delle vendite e una erosione più o meno pesante dei margini. Da tre anni, il marchio della “doppia G” aveva intrapreso un percorso di valorizzazione dell’artigianalità del prodotto, abbassando progressivamente il peso delle borse e degli accessori in tela con il logo, la gran parte dell’offerta, con un prezzo accessibile sotto i 500 euro, e virando verso un innalzamento degli standard sia dei pellami sia delle lavorazioni. Oggi il core business è concentrato nel segmento fra mille e 2.500 euro. Nel contempo, per garantire omogeneità di immagine, i punti vendita wholesale sono stati ridotti in modo importante, concentrandosi sui monomarca
Per ogni riposizionamento strategico serve tempo ed è proprio questo che sembra ora mancare a Pinault. Rumor sull’uscita del ceo e del direttore creativo, che sono partner nella vita, si sono succeduti spesso, ma nessuno dava per imminente il “siluramento”. Secondo gli analisti, il calo dei volumi di borse vendute – parzialmente compensato da aumenti di prezzo che non sono mai arrivati al 10% – potrebbe essere la causa della scelta di Pinault. E, al momento, non è improbabile che la vicenda finisca nelle aule del tribunale, mentre Frida lavora sulle prossime collezioni con il nuovo ceo Bizzarri.

 

Fonte Moda24, La Stampa

Tag: