Analista non ti temo – Amazon sopra le aspettative, nonostante il calo

Sfide Strategiche
amazonA

Amazon ha superato le previsioni di bilancio nell’ultimo trimestre dell’esercizio 2014, grazie al suo servizio ‘prime’. Il colosso dell’e-commerce ha aumentato le entrate del 15% a 29,33 miliardi di dollari, ben oltre le attese medie degli analisti fissate a 23,05 miliardi.

E, nonostante le continue ingenti spese per nuovi piani di espansione, ha riportato profitti di 214 milioni, scesi del 10,5% ma pari a 45 centesimi per azione, ben altra cosa rispetto ai 17 centesimi pronosticati. Senza l’impatto negativo delle tensioni sui cambi, il giro d’affari sarebbe aumentato ancora di più, del 18 per cento.

Nel dopo mercato il titolo ha reagito con un rialzo del 7%, recuperando parzialmente il declino del 19% sofferto negli ultimi dodici mesi. Amazon ha puntato molto sul successo del suo servizio per abbonati ‘prime’, che per 99 dollari l’anno offre streaming di film e spettacoli, prodotti esclusivi e spedizioni veloci gratuite. La società ha indicato che gli abbonati sono aumentati del 53% su scala globale e del 50% negli Stati Uniti durante l’anno.

Inoltre, in un’ottica di diversificazione del suo mercato, Amazon ha annunciato il lancio di un servizio di email e calendario per le aziende , un settore controllato soprattutto da Microsoft e in parte da Google:  un ulteriore segno della trasformazione del gruppo fondato da Jeff Bezos. I due punti saranno da una parte una maggiore facilità nell’utilizzo, dall’altro una maggiore sicurezza. «Molti dei clienti credono che le loro soluzioni sono troppo costose e complesse», ha continuato Selipsky. Il costo sarà in linea con quello dei suoi avversari: quattro dollari al mese per ogni utente, anche se Google e Microsoft offrono altre applicazioni e servizi compresi in questo prezzo.

Tag: