Ferragamo dei record, il più premiato dalla Borsa

In ascesa
Ferragamo123

Salvatore Ferragamo segna il record storico a Piazza Affari (30 euro) dopo  la diffusione dei risultati del 2014, avvenuta giovedì a Borsa chiusa e la conferma da parte dei vertici della società di un’ulteriore crescita anche per il 2015. Oggi l’azione Ferragamo vale circa 3,3 volte il valore del primo giorno di quotazione sulla Borsa di Milano (9 euro il 29 giugno 2011).

Anche rispetto ad altre aziende italiane del lusso quotate Ferragamo resta la più premiata dalla Borsa. La maison fiorentina con 4,98 miliardi di capitalizzazione ha chiuso il 2014 con  157 milioni di euro di utile superando sia Tod’s (che vale 2,80 miliardi) con un utile di 97,1 milioni di euro che Brunello Cucinelli, che è l’ultima quotata in Borsa che vale comunque 1,18 miliardi e ha chiuso il 2014 con un profitto di 31,8 milioni di euro.

Ferragamo nel dettaglio ha battuto le stime degli analisti archiviando l’esercizio 2014 con un utile netto in crescita del 4% a 157 milioni di euro rispetto ad un consensus Bloomberg fermo a 151 milioni e un ebitda in aumento del 13% a 293 milioni contro una previsione a 281 milioni.

Il Cda inoltre  proporrà all’assemblea, che si terrà il 24 aprile, la distribuzione di un dividendo pari a 0,42 euro per azione ordinaria, rispetto ai 0,40 euro dell’esercizio precedente, pari ad un aumento del 5% (stime erano per un cedola di 0,45 euro). Il dividendo verrà posto in pagamento il 20 maggio (data stacco cedola 18 maggio e record date 19 maggio).

Nel corso della conference call a commento dei risultati di bilancio, i vertici di Salvatore Ferragamo hanno dichiarato che i target fissati dagli analisti per il 2015 sono raggiungibili, “in assenza di rilevanti fenomeni geopolitici avversi”. Le stime degli analisti indicano una crescita del fatturato del 10% e una marginalità di poco superiore al 22%, anche se il dato sui ricavi sarà influenzato dall’andamento dei tassi di cambio.

Fonte Pambianconews

Tag: