Luxottica: nuovo cda, partnership e acquisizioni

Sfide Strategiche
luxottica intel

Il piano industriale sarà pronto a settembre e tra i progetti di Luxottica sono previste nuove acquisizioni nei mercati emergenti, la seconda versione dei Google-glass, nel 2016 presenterà il frutto della partnership con Intel e un nuovo cda approvato qualoche giorno fa che sarà composto da 14 membri (dai precedenti 11) che rimarranno in carica fino al 31 dicembre 2017.

Il nuovo board è formato da: Leonardo Del Vecchio, Luigi Francavilla, Adil Mehboob-Khan, Massimo Vian, Luigi Feola, Elisabetta Magistretti, Mario Notari, Maria Pierdicchi, Karl Heinz Salzburger, Luciano Santel, Cristina Scocchia, Sandro Veronesi, Andrea Zappia (tutti tratti dalla lista dell’azionista di riferimento Delfin) e Marina Brogi (tratta dalla lista presentata da un gruppo di investitori istituzionali internazionali e nazionali). Del Vecchio è stato confermato presidente.
Il nuovo piano prevede nuove “importanti” acquisizioni, “di qualità e molte strategiche”, forte del fatto che la cassa della società resta robusta nonostante il dividendo generoso.

In particolare, l’obiettivo del gruppo è espandersi nei mercati emergenti. L’ad non è voluto entrare nel dettaglio perché sono società quotate e quindi parlarne alza il prezzo, inoltre  in un’ottica di shopping non è stata valutata la possibilità di fare un aumento di capitale.

Intanto continua la partnership con  Google. Finora è stata vista la versione 1 dei Google-glass, ma le due società stanno lavorando insieme alla versione 2 che verrà presentata a breve. Tra le partnership ricordiamo anche quella con Intel: il primo frutto di quest’intesa verrà alla luce tra febbraio e marzo del prossimo anno, un occhiale sportivo al centro della campagna per le olimpiadi di Rio

Il management è anche ottimista sui conti del primo trimestre. “Nel 2015 siamo partiti con il piede giusto, saprete a brevissimo i risultati”, ha proseguito Vian. “Siamo ottimisti sul trimestre e soprattutto anche su questo bellissimo aprile, anche perché la situazione meteo è favorevole. Tutte le azioni messe in campo stanno andando nella direzione giusta”. Gli ha fatto eco l’altro ceo: “siamo soddisfatti di quello che abbiamo visto. Lo slancio dell’ultimo trimestre 2014 non era un caso”

 

Fonte Milano Finanza

Tag: