Aziende e Private Equity: Eleventy e Vei Capital accelerano l’internazionalizzazione

In ascesa
eleventy

Eleventy punta a chiudere l’anno in corso con un fatturato di 16 milioni di euro, in crescita del 35% rispetto all’anno precedente, mentre nell’orizzonte di 4 anni, al 2019, l’obiettivo è raggiungere un giro d’affari di 50 milioni di euro. Lo spiegaMarco Baldassari, ceo di Eleventy, gruppo di abbigliamento e accessori di alta gamma, fondato nel 2007 dallo stesso Baldassarri insieme a Paolo Zuntini e Andrea Scuderi, con le società Balzò (Baldassari e Zuntini) e Giesse (Scuderi).

Recente l’ingresso di Vei Capital, fondo di private equity di Palladio Finanziaria che, nel dicembre 2014, ha rilevato il 51% della società. Un investimento “a lungo termine”, conferma all’Adnkronos Sergio Ravagli, ceo di Vei Capital e partner di Palladio Finanziaria, “nell’ordine dei 5-7 anni”.

Quella con Eleventy, aggiunge, “è stata un’operazione fuori target, rispetto ad altre con società molto dimensionate. ma ci siamo innamorati di questa realtà e abbiamo deciso di mettere a disposizione del capitale tra acquisto quote e aumento di capitale per la crescita”.

“Abbiamo un patrimonio manifatturiero unico, dove riescono a convivere tradizioni e capacità innovative. E’ nostra responsabilità tutelarlo” spiega l’ad Baldassari, evidenziando che “il nostro sistema aziendale si basa su un network di 94 micro imprese selezionate, dalla Puglia al Veneto, secondo specializzazioni e mestieri che, in un complesso di culture e creatività, ci consentono di rispondere con rapidità e versatilità alle richieste dei mercati, offrendo un prodotto identificabile e di qualità”.

La crescita del Gruppo è accompagnata da un piano di sviluppo retail, oggi costituita da una rete di 12 monomarca (7 Italia e 5 Corea) e 400 multibrand, tra Italia ed estero. In Italia, sono recenti le aperture di Ischia e di Capri in partnership con Roberto Russo, che seguono quelle di Milano, Courmayeur, Brescia, Viareggio, Mantova; e del nuovo showroom di 600 metriquadri a Milano in Corso Venezia 14. Con l’ingresso di Vei Capital, il Gruppo ha messo in atto anche un programma di alleanze per accelerare il processo di internazionalizzazione. La quota export incide sul fatturato il 62%.

In Corea, grazie all’accordo con Handsome, azienda moda della conglomerata Hyundai, sono stati aperti 5 shop in shop all’interno dei più prestigiosi Department Store di Seoul, ed altri 8 sono previsti entro la fine del 2017. Una crescita importante si registra negli Stati Uniti dove il Gruppo è presente con la società Eleventy Usa, costituita in join venture con Earl Rotman, ex banker di Goldman Sachs, che con una quota del 30% ha investito per la crescita del marchio in Nordamerica.

Eleventy Usa ha inaugurato a gennaio lo showroom di New York e vede, entro l’anno, l’apertura di un flagship nel quartiere di Soho, e di shop in shop nei Department store di Bloomingdale’s e di Saks. Ma il piano di sviluppo riguarda anche la Cina dove, entro il 2019, grazie all’alleanza con Pailameng sono previsti 13 store, e coinvolgerannoHong Kong, Macao, Singapore e Taiwan come prime tappe.

“Stiamo guardando con attenzione al Medio Oriente, ha concluso Marco Baldassari e definendo gli accordi con un gruppo internazionale per l’apertura di 7 boutique, tra Beirut e Dubai”. In particolare le prime due dovrebbero essere inaugurate nell’inverno del 2016.

Prossimo obiettivo anche l’e-commerce, “ma vogliamo approcciarlo nella maniera più corretta – conclude Baldassarri – non dopo avere verificato le potenzialità e novità. Qualcosa che ci permetta di raccontare una ‘storia nuova’.

 

Fonte Adnkronos

Tag: